Il bello di leggere d’estate

Neve, piumone, una bella bevanda calda, letto e un buon libro: sì, l’inverno è decisamente una stagione magica per leggere, ma anche l’estate ha il suo fascino per noi lettori, e ora vi racconto perché.

Vacanze

Quale motivo migliore di leggere d’estate se non le vacanze? Non è per tutti così, ma in genere l’estate è il periodo in cui si va in vacanza o, perché no, si resta a casa in vacanza. Ciò significa avere più tempo libero da dedicare a noi stessi e ai nostri hobby, e per noi lettori vuol dire quindi avere più tempo per leggere. Inoltre, scegliere i libri da portare in vacanza è come scegliere i compagni di viaggio 😉


I libri permettono di viaggiare

Se non si può andare in vacanza, tranquilli, la soluzione giusta è a portata di mano: prendete un libro e iniziate a leggere. Un libro vi porta dovunque vogliate andare, e il viaggio è assolutamente gratis. L’unico requisito indispensabile è la vostra immaginazione 😉


Leggere all’aperto

Un bel parco, in riva al mare, in montagna, o semplicemente in terrazza/veranda/balcone/giardino di casa vostra: leggere all’aperto è uno dei piccoli piaceri che ci offre questa stagione. Personalmente adoro leggere sul balcone la mattina mentre faccio colazione, o la sera verso cena, quando il caldo soffocante si è un po’ allentato e il tramonto regala uno sfondo a dir poco perfetto.


Leggere libri ambientati in estate

Se c’è una cosa che mi piace tanto, è leggere libri ambientati nel periodo in cui li si legge, quindi in questo periodo amo leggere libri ambientati in estate, o libri più leggeri e che mi facciano ridere, adatti a questa stagione.


Temporali estivi

Sarò controcorrente, amo i temporali estivi (ovviamente se sono a casa e non fanno danni 😀 ) e credo che leggere mentre si scatena fuori il diluvio è una delle cose più belle che ci siano.


E voi perché amate leggere d’estate?

Comments

comments

Precedente Recensione - "I love shopping", Sophie Kinsella Successivo Recensione - "Il libro maledetto", Kai Erik