Collaborazione – Sperling & Kupfer – 8

Ringrazio la casa editrice Sperling & Kupfer per avermi mandato una copia di Il segreto di mia sorella di Flynn Berry. Potete trovare il romanzo in libreria a partire dal 4 settembre.

Presto la mia recensione! 🙂

UNA GIOVANE DONNA SI PREPARA A PASSARE IL SOLITO WEEKEND CON LA SORELLA. MA LE BASTA APRIRE LA PORTA DI CASA PER SAPERE CHE NIENTE SARÀ COME PRIMA. CHE IL PASSATO È TORNATO A PRETENDERE IL SUO TRIBUTO DI SANGUE.

Pagine: 300

Prezzo: 17,90 €

Genere: Thriller

Casa editrice: Sperling & Kupfer

Trama:

Nora vive lontana dalla sorella ma va spesso a farle visita in un paesino della campagna inglese. È lì che Rachel fa l’infermiera, una professione che ha scelto perché le permette di salvare la vita alle persone, ma anche perché è un osservatorio sulla violenza. E per lei questo è fondamentale per scendere a patti col passato. Una notte di tanti anni prima, infatti, le due sorelle adolescenti, dopo una festa molto alcolica, avevano preso due decisioni opposte. Mentre Nora era rimasta a dormire dagli amici, Rachel si era incamminata sulla strada di casa. E durante il tragitto si era imbattuta in un pazzo che l’aveva picchiata selvaggiamente fino a tramortirla. Da quel momento, Rachel e Nora, sconvolta dal senso di colpa, si erano unite in una caccia all’uomo ossessiva, che le aveva portate sulle tracce di altri delitti e altre violenze ma non su quelle del «loro» mostro. Non ancora. Quando Nora arriva a casa di Rachel, è sicura di trovarla in cucina intenta a preparare la cena. E invece, questa volta, la aspetta una tremenda scoperta. Appena entrata, trova il cane impiccato alla scala e, seguendo le tracce di sangue, la sorella pugnalata a morte. E anche se Rachel le ha detto di aver rinunciato a cercare il suo aggressore, Nora sa che potrebbe essere proprio lui l’assassino. Ma chi è, veramente, l’uomo capace di tanta violenza?

Per acquistare una copia del libro su Amazon, CLICCA QUI.

Comments

comments

Precedente Recensione - "La verità sul caso Harry Quebert", Joël Dicker Successivo Recensione - "Come un romanzo", Daniel Pennac