Dal libro al film – “La scelta”

Qualche sera fa ho visto finalmente l’adattamento cinematografico del romanzo di Nicholas Sparks La scelta. È uno dei romanzi più emozionanti… no, ok, lo sono tutti, ma in questo romanzo viene raccontata una storia d’amore molto intensa, la cui forza si rivela proprio nel finale.

ATTENZIONE: l’articolo contiene SPOILER!!!

Come sempre, per iniziare vi lascio il trailer del film:

Il film, uscito nelle sale americane nel 2016, purtroppo non è arrivato nei cinema italiani, come è già successo per altri film tratti dai libri di Nicholas Sparks. I protagonisti sono Travis, interpretato da Benjamin Walker, e Gabby, interpretata da Teresa Palmer.

Travis è un giovane veterinario, che lavora nella clinica del padre, ed è il classico latin lover: passa da una ragazza all’altra, senza impegnarsi mai veramente. Vive in una bellissima villa sull’oceano insieme al suo cane, Moby: la sua è una vita felice e spensierata, ma qualcosa cambia quando nella villa affianco alla sua si trasferisce Gabby, una studentessa di medicina. Gabby vive con la sua collie, Molly, ed è fidanzata con Ryan (Tom Welling). Quando Gabby scopre che Molly è incinta, incolpa proprio Moby, litigando con Travis, che ovviamente cerca di approcciarsi a lei come fa con tutte le altre ragazze: provandoci. Non ha messo in conto, però, che Gabby non è come tutte le altre, e non gliela dà certo vinta e gli risponde per le rime.

La situazione cambia quando Gabby si vede costretta a chiedere aiuto a Travis per via di Molly, che sta per avere i suoi cuccioli. I due inizieranno ad avvicinarsi sempre di più, e, complice il fatto che Ryan sia distante, si innamorano.

La storia è sostanzialmente fedele al libro, le differenze sono piccole, le cose più importanti sono state inserite nel film. In particolare, le scene che riguardano la gita in barca di Gabby con Travis e i suoi amici, insieme a sua sorella Stephanie (Maggie Grace), sono state davvero ben realizzate e hanno trasmesso in modo efficace l’importanza del momento nella storia.

Devo ammettere, però, che ci sono degli elementi che non mi hanno convinta nel film. Prima di tutto, i protagonisti: gli attori scelti secondo me, nonostante abbiano saputo interpretare bene i loro personaggi, non li rappresentano appieno, o almeno me li immaginavo in modo diverso, soprattutto Travis. Inoltre credo che il film abbia perso un po’ dall’originale al doppiaggio italiano, che non ho particolarmente apprezzato. Inoltre, il personaggio di Stephanie è stato messo quasi completamente in disparte, mentre nel libro il rapporto tra lei e Travis è adorabile e lei è simpatica, estroversa, quasi egocentrica. Infine, Ryan, che nel libro si chiama in realtà Kevin, è più presente che nel film: qui sembra quasi che Gabby non sia davvero fidanzata, mentre nel libro emerge la sua confusione riguardo il suo fidanzamento e i nuovi, forti sentimenti che inizia a provare per Travis.

L’interpretazione di Benjamin Walker è stata però ottima nella seconda parte del film. Dopo essersi sposato con Gabby e aver avuto due figli, Gabby ha un grave incidente e finisce in ospedale, in coma. È qui che si concentra il nucleo della storia. Nel libro, la seconda parte si apre con la domanda: “Fin dove si deve arrivare in nome del vero amore?”, ed è quello che viene rappresentato nel film. Travis deve scegliere se staccare la spina che aiuta sua moglie a respirare. Tutti gli ripetono che ormai è in coma da troppo tempo, ma lui non vuole saperne: l’amore che prova per lei va oltre qualsiasi cosa, e non riesce a compiere una scelta.

Anche se non è il migliore dei film tratti dai libri di Sparks, è un film nel complesso emozionante, che vi farà ridere e piangere (si tratta sempre di Nicholas Sparks!), che vi consiglio di vedere, se volete sapere come andrà a finire e per non perdervi questa bellissima storia d’amore.

Voi avete visto il film? Cosa ne pensate?

Vi aspetto nei commenti! 🙂

 

 

Comments

comments

Precedente Quote of the Day - 95 Successivo Tutto ciò che abbiamo imparato dai Malandrini in "Harry Potter e il prigioniero di Azkaban"