Crea sito

Harry Potter: le migliori e le peggiori scelte del mondo magico

Fonte: Wizarding World

Harry che decide di non essere amico di Malfoy; Ron che abbandona Harry e Hermione durante la caccia agli Horcux; Silente che si allontana da Grindelwald; Piton che sceglie le Arti Oscure.

Il mondo magico è pieno di scelte: alcune giuste, alcune sbagliate. Vediamo qui una classifica delle migliori e delle peggiori scelte che sono state compiute nel mondo magico.

LE SCELTE MIGLIORI

5- HARRY DECIDE DI NON ESSERE AMICO DI DRACO MALFOY


Si potrebbe pensare che Harry Potter e Draco Malfoy siano stati nemici fin dall’inizio; se però è vero che Harry non fu mai amichevole nei suoi confronti, ciò non ostacolò la determinazione di Malfoy nel continuare a provare a collezionare tra i suoi amici anche il famoso bambino che è sopravvissuto. Nonostante fosse un undicenne a confronto con un mondo per lui totalmente nuovo, Harry fu comunque abbastanza perspicace da capire che fare amicizia con Malfoy non era una buona idea.

Dal momento in cui Malfoy definì Hagrid un selvaggio e insultò la famiglia di Ron sull’Espresso per Hogwarts, Harry capì che tipo era e gli voltò le spalle. Probabilmente in questa situazione Harry si affidò giustamente al suo istinto, e la sua decisione gli impedì di intraprendere un sentiero oscuro e di rafforzare il nuovo legame con Ron.

4 – SILENTE SCEGLIE DI ALLONTANARSI DA GRINDELWALD

La scelta di Silente di allearsi con un mago come Grindelwald fu sbagliata a priori, ma dovremmo ammirare invece la sua scelta di allontanarsi dal mago oscuro. È facile dimenticarsi che un tempo Silente era un giovane ragazzo suggestionabile e non il saggio preside che ben conosciamo. Per lui doveva essere stato eccitante trovare un altro mago di talento tanto quanto lo era lui, un mago con la convinzione di poter cambiare il mondo “per il bene superiore”. Tuttavia, dopo un terribile scontro, che vide anche la morte di sua sorella Ariana, Silente capì che doveva allontanarsi da Grindelwald.

E per fortuna Silente lo fece. Se non lo avesse fatto, non sarebbe mai potuto diventare il grande uomo che era. Probabilmente non avrebbe mai combattuto e sconfitto Grindelwald nel loro famoso duello. Pensate a come sarebbe stato diverso il mondo magico se Silente non avesse visto le idee di Grindelwald per come erano realmente e lo avesse sostenuto nella sua impresa per conquistare il dominio magico.

3- HERMIONE FONDA L’ESERCITO DI SILENTE

Hermione aveva spesso idee molto intelligenti, e questa è sicuramente una di quelle. Dal momento in cui realizzò che lei e i suoi compagni di classe non stavano ricevendo un’istruzione adeguata, prese in mano la situazione. Harry avrà pur finito per fare l’insegnante, ma la decisione di creare questo gruppo fu di Hermione. E furono di nuovo l’astuzia di Hermione e la sua eccellente abilità magica che permisero all’Esercito di Silente di capire quale membro dell’associazione li avesse traditi con la Umbridge (quelle pustole viola sul viso di Marietta Edgecombe furono cattive, sì, ma ammirevoli).

Non solo la decisione di fondare l’Esercito di Silente permise a molti studenti di Hogwarts di migliorare la loro istruzione, ma li aiutò ad eccellere. Il fatto che così tanti ragazzi riuscirono ad evocare un Patronus corporeo, che è magia molto avanzata, ne è la prova. Ciò significò anche che l’Esercito di Silente era un gruppo ben preparato quando scoppiò la seconda guerra magica. Senza l’Esercito di Silente dubitiamo che Neville avrebbe potuto avere la sicurezza in se stesso o l’abilità per combattere nel modo in cui fece. L’ES potrà anche essere nato come una piccola associazione di studenti, ma finì per essere molto di più.

2 – HARRY CHIEDE AIUTO ALLA SIGNORA WEASLEY PER ARRIVARE AL BINARIO 9 E ¾

Si può dire con certezza che quando Harry e i Weasley si incontrarono per la prima volta, le prime impressioni che ebbero l’uno degli altri furono positive. La signora Weasley disse che Harry era un ragazzo educato, e a Harry piacque la loro dinamica familiare. Fu un incontro casuale che portò ad una delle migliori e più importanti amicizie della serie.

Ma cosa sarebbe successo se Harry non avesse avuto il coraggio di chiedere aiuto alla signora Weasley? Se Ron non avesse visto Harry sul binario, gli avrebbe chiesto di stare insieme nello stesso scompartimento? Avrebbero legato allo stesso modo? Se Harry si fosse sentito completamente solo, sarebbe stato più propenso ad accettare l’amicizia di Malfoy? Ciò avrebbe potuto voler dire che Harry sarebbe stato smistato in Serpeverde?

Se Harry non avesse fatto quella scelta, le cose sarebbero potute andare in modo completamente diverso. Harry non sarebbe mai diventato parte della famiglia Weasley e non sarebbe mai diventato il migliore amico di Ron (e probabilmente sarebbe ancora fermo tra il binario 9 e 10 alla stazione di King’s Cross).

1 – HARRY E RON AVVERTONO HERMIONE DEL TROLL

In modo simile alla scelta precedente, se Harry e Ron non avessero deciso di rischiare di tutto per salvare Hermione, non avremmo mai avuto il Golden Trio. Se loro fossero rimasti alla larga, Hermione non avrebbe mai visto un lato diverso di Harry e Ron, e loro d’altra parte non avrebbero mai visto Hermione coprirli con una furiosa professoressa McGranitt. Non c’è dubbio al riguardo: la famosa amicizia del trio fu forgiata nel bagno delle ragazze con un troll di montagna svenuto e col moccio al naso.

Nonostante furono i cattivi commenti di Ron che portarono Hermione a piangere in bagno, questi aprirono anche la strada per la loro amicizia. Provate anche solo ad immaginare come le cose sarebbero state diverse se Harry e Ron non avessero avvisato Hermione del troll. Prima di tutto, Hermione avrebbe potuto morire a poche settimane di distanza dall’inizio della sua vita da strega. Se anche fosse sopravvissuta, non avrebbe di certo voluto avere niente a che fare con i ragazzi che l’avevano resa così infelice.

Viene anche da chiedersi se tutto ciò avrebbe portato alla vittoria di Voldemort. Hermione trovò le informazioni preziose su Nicolas Flamel e fece in modo che lei, Harry e Ron superarono tutti gli ostacoli per arrivare alla Pietra Filosofale. Quindi, anche se è stato un modo… be’, piuttosto insolito per fare amicizia, siamo davvero grati a quel troll.


LE SCELTE PEGGIORI

5 – PITON SCEGLIE LE ARTI OSCURE

Oh, Piton… la sua vita è stata davvero tragica. Era bullizzato a scuola, perse l’amore (non ricambiato) della sua vita e morì proteggendo il figlio di Lily. La vita del Principe Mezzosangue è davvero triste, ma Piton ha fatto anche molte scelte discutibili, e la sua ossessione per le Arti Oscure gli si ritorse contro.

Piton era ossessionato da fatture e maledizioni fin da giovane, e possiamo anche capire perché, fino a un certo punto. I suoi genitori non lo amavano ed era tormentato dai suoi compagni di classe: tutto questo avrebbe un impatto su chiunque. Eppure, Piton non era completamente estraneo all’amore, perché aveva Lily. Se davvero avesse voluto proteggere il loro rapporto, avrebbe potuto farlo.

Quando si accorse che Lily si stava avvicinando al suo nemico James Potter, Piton la respinse e la allontanò ancor di più, rafforzando poi il suo legame con un gruppo di malfamati Serpeverde, ossessionati come lui dalle Arti Oscure e che sarebbero poi diventati Mangiamorte. L’incapacità di allontanarsi da questa ossessione costò a Piton la sua amicizia con Lily e lo portò alla fine su un sentiero oscuro e pericoloso.

4 – RON ABBANDONA LA CACCIA AGI HORCRUX

Quando Ron decise di abbandonare la caccia agli Horcrux ferì molto Harry e Hermione. Non solo Ron permise che la gelosia prendesse il sopravvento, ma rifiutò anche l’idea che molto probabilmente fosse l’Horcrux la ragione per cui lui si sentiva così. Ron abbandonò i suoi amici a causa della sua testardaggine e della sua insicurezza, una scelta che avrebbe poi finito per rimpiangere profondamente.

Mentre Ron non c’era, Harry e Hermione si ritrovarono a vivere un incubo, fino alla loro gita a Godric’s Hollow dove, a causa di Nagini, vissero un’esperienza terribile e straziante. Se Ron fosse stato con loro, magari sarebbe stato in grado di impedire che la bacchetta di Harry si rompesse, o magari avrebbe impedito loro di andare a Godric’s Hollow. Non possiamo sapere cosa sarebbe successo se Ron non li avesse abbandonati, ma sappiamo che questa decisione rese le cose solo più difficili. Per fortuna, Silente gli aveva lasciato il suo Deluminatore, altrimenti non ci sarebbe stato ritorno da quella scelta.

3 – HARRY USA UNO DEGLI INCANTESIMI DEL PRINCIPE MEZZOSANGUE SU DRACO

Harry avrebbe dovuto ascoltare Hermione. Avrebbe dovuto ascoltare Ginny. In realtà, Harry avrebbe dovuto ascoltare chiunque avesse sollevato dubbi sulla sua sconsiderata fiducia nel Principe Mezzosangue. Nonostante avesse affrontato il diario di Tom Riddle al secondo anno, Harry comunque non diede retta a nessuno di coloro che lo pregavano a fare attenzione e a non fidarsi di un autore sconosciuto. Ciò che Harry non avrebbe dovuto fare era usare un incantesimo fai-da-te “contro i nemici” su Draco Malfoy.

Harry non sapeva quanto violento e sanguinoso fosse Sectumsempra, ma fu comunque una sua scelta quella di usare l’incantesimo e quindi fu colpa sua se Malfoy, gravemente mutilato, si accasciò sul pavimento del bagno. Ora, sappiamo benissimo che Harry e Malfoy non erano esattamente amici, ma Harry non era una persona violenta (dopo tutto, l’unico incantesimo che usava sempre era Expelliarmus) e la sua decisione ebbe delle conseguenze. Non solo venne messo in punizione, ma dovette anche affrontare la rabbia della squadra di Quidditch di Grifondoro quando questa venne a sapere della sua temporanea espulsione dalla squadra. Harry sicuramente imparò una lezione da questo incidente, ma questo è solo un piccolo risvolto positivo.

2 – HARRY DECIDE DI ANDARE ALL’UFFICIO MISTERI

A volte sembra non ci sia proprio modo di far ragionare Harry. Nonostante diverse persone lo implorassero di prendere seriamente l’Occlumanzia, lui proprio non ci riusciva. È strano, perché Harry non si dà per vinto al primo ostacolo, ma per qualche ragione, con l’Occlumanzia continuò a dargli del filo da torcere. Avere Piton come insegnante, poi, sicuramente non fu di aiuto.

Sfortunatamente, tutto ciò lo portò a prendere una decisione che avrebbe rimpianto a vita. Harry sapeva che Voldemort poteva far vedere alla sua mente immagini false, e sapeva di non doversi fidare di nulla di ciò che vedeva attraverso gli occhi di Voldemort. Tuttavia, nonostante gli fosse stato detto più volte e da diverse persone, si sentì in dovere di partire, a maggior ragione che questa sua capacità di “vedere” gli aveva permesso di salvare Arthur Weasley da Nagini. Quindi, quando Voldemort inventò la visione di Sirius che veniva torturato nell’Ufficio Misteri, Harry decise che doveva essere reale. Anche se Harry aveva buone intenzioni, il suo cuore spesso prese il sopravvento sulla ragione, come in questo caso.

Harry non solo mise a rischio se stesso e la propria vita, ma anche quella dei suoi amici. Se Harry non avesse creduto a quella visione, Sirius non sarebbe andato al Ministero per salvarlo, e sappiamo tutti com’è andata a finire. Voldemort aveva creato la trappola perfetta per Harry, sapendo che le sue emozioni avrebbero sopraffatto le sue capacità logiche. Sicuramente Harry, un adolescente, non può essere completamente incolpato di quanto accadde, perché fu manipolato da Lord Voldemort, ma la sua tragica scelta lo lasciò senza padrino e con una vita di rimpianti.

1 – BARTEMIUS CROUCH FA USCIRE DI NASCOSTO SUO FIGLIO DA AZKABAN

Potrebbe sembrare strano dire che questa fu la peggiore scelta nel mondo magico, ma ascoltate: se Barty Crouch non avesse aiutato suo figlio, Barty Crouch Junior, a evadere di nascosto da Azkaban, Voldemort magari non sarebbe tornato.

Barty Crouch probabilmente non era consapevole di quanto devastanti sarebbero state le conseguenze della sua azione, quando decise di realizzare il desiderio di sua moglie in punto di morte. Eppure, liberando suo figlio, Barty Crouch diede inizio ad una catena di eventi che culminarono in quella terribile notte della Terza Prova del Torneo Tremaghi. Se Barty Crouch Junior non fosse stato rilasciato, non avrebbe potuto prendere il controllo su suo padre, rapire Malocchio Moody, prenderne il posto, far partecipare Harry al Torneo Tremaghi, manipolare il torneo stesso e assicurarsi infine che Harry venisse trasportato nel cimitero in cui Codaliscia usò il suo sangue per resuscitare il Signore Oscuro. Dunque, tra le scelte sbagliate, questa non può che essere in cima.


Fonte: Wizarding World

Comments

comments