Quote of the Day – 100

100: vi ho proposto cento citazioni tra libri, film e telefilm da quanto ho deciso di aprire questo blog, e oggi ve ne propongo una speciale per festeggiare.

Anzi, più di una. E lo faccio con La storia infinita, perché come ho detto altre volte, secondo me è una storia che va apprezzata per il messaggio che trasmette: l’amore per la lettura, l’esperienza reale del lettore che vive davvero una vita diversa tra le pagine di ogni libro che legge.

Vi ho proposto altre citazioni tratte da questo romanzo, e potete trovarle qui e qui.

Eppure Bastiano sapeva che non sarebbe mai potuto andarsene senza quel libro. Adesso gli era chiaro che proprio a causa di quel libro era venuto qui, era stato il libro a chiamarlo in quella sua misteriosa maniera, perché voleva andare da lui, perché in fondo era già suo, gli apparteneva da sempre!

Quante volte in libreria, in biblioteca, al reparto libri del supermercato, ci siamo sentiti così? Perché è proprio vero: un libro ci attira, ci chiama e noi non sappiamo resistere. I libri ci appartengono e noi apparteniamo a loro. Non siamo noi che li scegliamo, sono loro a scegliere noi. Soprattutto quando tra le mani ci capita un libro che, alla fine, sappiamo di aver amato alla follia, e ci sentiamo un po’ più completi, perché senza quella storia non saremmo gli stessi, ma anche un po’ persi, perché la storia è terminata.

Questo, ecco, proprio questo era ciò che lui aveva sognato tanto spesso e che sempre aveva desiderato da quando era caduto in preda alla sua passione: una storia che non dovesse mai avere fine. Il libro di tutti i libri.

Questo vuol dire leggere, un po’ come innamorarsi, e noi lettori lo sappiamo bene! Anche se il piacere e l’amore per la lettura non sono da tutti:

«Ci sono una quantità di porte che conducono in Fantàsia, ragazzo mio. Di libri magici come quello ce né più d’uno. Molta gente non se ne accorge neppure. Dipende appunto da chi prende in mano un libro simile.»

Per concludere, per noi lettori,

«Ogni vera storia è una Storia Infinita.»

Comments

comments

Precedente Recensione - "Matrimonio di convenienza", Felicia Kingsley Successivo Dal libro al film - "La ragazza nella nebbia"